Inspirational People I Un caffè con Maurizia Zanatta

Da HR Manager contesa dalle aziende a imprenditrice in Senegal: la storia di Maurizia e di un sogno diventato realtà.

Ricordo bene la prima volta che ho sentito la voce di Maurizia al telefono alcuni mesi fa.

“Sto andando al mare, rimarrò lì per una decina di giorni. Ci sarà ancora caldo, voglio godermi questa pausa per poi decidere cosa fare della mia vita”.

Sentivo che stava sorridendo. Non tutti lo sanno ma i sorrisi passano benissimo anche al telefono. Ricordo anche che, nell’ascoltarla, ebbi una piacevole sensazione, come di sorpresa. Trasmetteva positività e una pacatezza fuori dal comune.

Nel pieno di una carriera di successo come HR Manager,  Maurizia si era trovata d’un tratto senza lavoro a causa di una riorganizzazione aziendale. Le opportunità per lei non sono tardate ad arrivare, eppure una sensazione aveva cominciato a nascerle dentro e lei aveva deciso di seguirla. Da quel momento in poi è stato tutto un succedersi di occasioni, incontri, proposte, collaborazioni che l’hanno portata naturalmente a decidere di voler cambiare vita. I suoi valori più importanti, la libertà, la condivisione, l’indipendenza la guidano oggi ad ogni passo, dandole la certezza di essere sulla strada giusta.

Di se stessa dice:

“Mi è sempre piaciuto danzare e viaggiare, sono sempre stata curiosa di scoprire cose nuove e conoscere persone da tutto il mondo. Sono aperta e fiduciosa di natura, non ho mai avuto paura dello sconosciuto. Ho sempre voluto togliere le barriere. Ora sto creando una società in Senegal con un socio di quel Paese, che si occuperà di turismo responsabile ed etico e di servizi consulenziali per le aziende italiane che vorranno investire in Africa. Senegal for you rappresenta il mio nuovo progetto di vita!”

Ecco l’intervista che ho fatto a Maurizia, fra pochi giorni nuovamente in partenza per il Senegal.

Molti vivono un’esperienza lavorativa giunta al termine come un momento di difficoltà. Tu invece hai deciso di cogliere l’opportunità per cambiare vita. Come hai fatto a fare questo passo?

Mi sono trovata a non avere più un lavoro per la prima volta nella mia vita e sicuramente il primo impatto non è stato dei più semplici, ma ho cercato di investire su me stessa e considerare un’opportunità l’uscita dall’azienda.
Sono sempre stata un’appassionata viaggiatrice, avevo dei sogni rimasti un po’ nel cassetto causa impegni familiari e lavorativi e mi sono detta, “ecco questo è il momento dove puoi sognare ma anche concretizzare i tuoi sogni”. Non ho più pensato e sono passata all’azione!

So che credi molto nell’importanza della gestione delle Risorse Umane all’interno di un’organizzazione. Intendi portare questa visione anche nella tua azienda?

Ho sempre creduto molto nell’investire e far crescere le persone, rapportandomi con etica e rispetto. Ho applicato questi valori sia in azienda che nella vita privata e questo mi ha ripagato sempre. Le aziende sono un insieme di persone prima ancora che dipendenti/collaboratori e come tali devono essere gestite. Questa mia visione la porterò anche nella mia azienda. Infatti ora sto scegliendo le persone con cui vorrò collaborare e lavorare: più che al “cosa” ora sono attenta al “con chi“. Non voglio lavorare con persone competitive, ma alla pari e che condividano i miei valori.

Come stai riuscendo a convogliare le tue passioni ed i tuoi valori, come il viaggio e la libertà, nel lavoro?

Il mondo del lavoro ormai è cambiato e si può tranquillamente lavorare da remoto e con tempi autogestiti secondo i propri obiettivi. Questa mia libertà è impagabile, sto lavorando lo stesso molto, ma quando lavori per un tuo progetto, che ti appassiona, il tempo vola! L’idea della mia società poi si è basata anche sulla mia voglia di viaggiare e questo Paese, il Senegal, mi sta dando molte opportunità. E’ un Paese in forte crescita ed autentico come la sua gente, famosa per la sua ospitalità.

Credi di più nel caso, nel destino o pensi che ognuno sia artefice della propria vita?

Credo molto nel saper cogliere le opportunità, la fortuna va un po’ aiutata! Un consiglio che darei è quello di capire e definire bene i propri obiettivi, poi cominciare a fare. Agire, con la passione per quello che fai, porta ad incontrare gli altri. In questo mio momento ho avuto occasioni e possibilità definirei quasi “magiche”…

Che consigli daresti ad una persona che sentisse il desiderio di cambiare vita dopo i 40 o i 50 anni?

L’età a volte spaventa, ma a mio avviso non ci sono limiti! Ovviamente dipende dalla situazione personale di ognuno, ma se si può è sempre il momento giusto per “spiccare il volo”!

Grazie Maurizia, accompagnarti lungo un pezzettino di questo viaggio è stato un grande regalo per me.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *